• LaGente

UK, Boris Johnson si dimetterà oggi. Nuovo premier in autunno

Secondo i media, Il premier ha ceduto. La Bbc precisa che un nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica "in autunno"




Dopo tanti errori, dalla Brexit di cui gli inglesi sono pentiti fino alla pittoresca gestione dell'emergenza Covid, come nella tradizione anglosassone solo uno scandalo sessuale (in realtà aver coperto uno dei suoi collaboratori) fa cadere un leader.

Il premier Boris Johnson ha ceduto ed è pronto ad annunciare le sue dimissioni oggi, secondo anticipazioni concordanti dei media britannici.

La Bbc precisa che un nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica "in autunno".


Non si arresta l'emorragia di ministri nel governo britannico di Boris Johnson: questa mattina è stato il turno del responsabile del dicastero per l'Irlanda del Nord, Brandon Lewis, secondo il quale l'esecutivo colpito dallo scandalo è ormai "oltre il punto di non ritorno".

"Non posso sacrificare la mia integrità personale per difendere le cose come stanno adesso", ha detto Lewis, aggiungendo che il partito conservatore al potere e il Paese "meritano di meglio".


Ieri Johnson ha risposto picche, secondo indiscrezioni unanimi dei media, alla sollecitazione di parte dei suoi ministri a gettare la spugna alla luce dei contraccolpi dello scandalo Pincher e dell'ondata di dimissioni nella compagine Tory. Lo si apprende a margine dagli incontri frenetici avuti ieri sera dal premier britannico. Il premier non intende lasciare di fronte "alle questioni enormemente importanti" che il Paese deve affrontare, riporta la Bbc.


Una delegazione composta da almeno una mezza dozzina di ministri rimasti fedeli a Boris Johnson in seno al consiglio di gabinetto - sinedrio del governo britannico composto in totale da una trentina di membri - ha in giornata annunciato di volersi recare dal primo ministro per chiedergli di dimettersi. Della delegazione fanno parte, secondo la Bbc, il ministro-capo gruppo (chief whip) Tory alla Camera dei Comuni, Chris Heaton-Harris, e i ministri dei Trasporti, Grant Shapps; dell'Irlanda del Nord, Brendon Lewis; del Galles, Simon Hurt. Secondo alcune fonti non ancora confermate, ci sarebbe anche Nadhim Zahawi, che appena ieri aveva accettato di restare al governo e di essere promosso da ministro dell'Istruzione a cancelliere dello Scacchiere. Interpellato al riguardo durante l'audizione di fronte al coordinamento dei presidenti di commissione della Camera dei Comuni, cui Johnson ha accettato di sottoporsi malgrado la crisi, il premier ha opposto un no comment, dicendo di non voler parlare di iniziative di cui "non sono a conoscenza".


Anche la ministra dell'Interno, Priti Patel, super falco del governo Tory annoverata finora tra i lealisti irriducibili di Boris Johnson, ha chiesto in serata al

premier di dimettersi, di fronte alla crisi provocata dai contraccolpi dello scandalo Pincher e dall'ondata di dimissioni nella compagine.


Anche ieri in giornata #BorisJohnson aveva ribadito di voler resistere per far sì che il suo governo "vada avanti" nel proprio lavoro e e prosegua "ad attuare il programma" malgrado la raffica di dimissioni provocare in seno alla compagine Tory dai contraccolpi dello scandalo Pincher. Il premier lo ha detto nel Question Time del mercoledì alla Camera dei Comuni, replicando ai durissimi attacchi del leader laburista Keir Starmer e di altri oppositori, e ritorcendo contro le stesso Starmer le accuse di "mancanza d'integrità".


#BoJo aveva lasciato ancora una volta intendere di voler cercare di resistere durante un'audizione di fronte al coordinamento bipartisan dei presidenti di commissione della Camera dei Comuni. Messo sulla graticola, Johnson ha in ogni caso negato la prospettiva di elezioni politiche anticipate: "Non credo che nessuno le voglia in questo momento" di crisi globale, ha detto. "Credo invece che noi dobbiamo andare avanti, servire gli elettori e affrontare le priorità che stanno loro a cuore"



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti